all’Interno di John Lennon e Paul McCartneyInsostituibile Bond – e Epic Fall Out

Si sentiva come un qualsiasi altro giorno d’estate del Liverpool, ma un incontro casuale trasformato in uno dei più notevoli giorni nella storia della musica: il giorno di John Lennon primo incontro con Paul McCartney. Il 6 luglio 1957, St. La chiesa di Peter nel villaggio di Woolton stava organizzando una festa in chiesa, dove suonavano i Quarrymen, la band skiffle di Lennon.

“Apparentemente, eravamo sul palco a suonare il numero Del-Vikings doo-wop ‘Come Go With Me’, e Paul arrivò sulla sua bicicletta e ci vide suonare”, ha ricordato Rod Davis dei Quarrymen a Billboard. “E’ stato qualcuno che non conoscevamo, Paul, che ha incontrato qualcuno che conoscevamo. Non era niente di che. Lo spieghi alle persone, in particolare agli americani, e si aspettano che ci siano angeli che si nascondono dietro le nuvole che suonano trombe. È tutto terribilmente, terribilmente un non-evento-tranne col senno di poi.”

Durante l’incontro, l’amico comune Ivan Vaughan ha introdotto i due — e McCartney si è unito alla band pochi mesi dopo. Mentre alla fine cambiarono la direzione del loro sound in rock ‘ n ‘ roll-e il loro nome in The Beatles-ciò che rese il loro successo così dolce fu la stretta amicizia tra Lennon e McCartney, i cantautori del gruppo.

George Harrison, John Lennon e Paul McCartney in piedi al di fuori di Paolo casa di Liverpool, circa 1960

Foto: Keystone/Getty Images

Lennon e McCartney incollati sopra di perdere le loro madri in giovane età

Mentre i loro likemindedness per la musica li ha portati insieme, il loro legame è cresciuto fuori di un condiviso senso di tragedia. McCartney aveva perso sua madre, Mary, dal cancro al seno nell’ottobre 1956 quando aveva 14 anni e la madre di Lennon, Julia, fu uccisa da un’auto in corsa nel luglio 1958 quando aveva 17 anni.

“Abbiamo avuto una sorta di legame che entrambi sapevamo, sapevamo quella sensazione”, ha detto McCartney al Late Show con Stephen Colbert a settembre 2019. “Non ho mai pensato che influenzasse la mia musica fino a anni dopo. Di certo non volevo. Ma potrebbe essere, sai che queste cose possono succedere.”

Mentre molti credono che quelle perdite dolorose hanno portato a canzoni potenti come” Yesterday “del 1965, che è venuto a McCartney in un sogno, e” Let It Be” del 1970, McCartney non ha mai avuto outrightly quelle intenzioni.

LEGGI DI PIÙ: Incontra Brian Epstein, l’uomo che ha scoperto i Beatles

McCartney ha detto che ‘avrebbe fatto qualsiasi cosa’ per Lennon

Lennon e McCartney hanno sempre capito che la loro parentela non poteva essere replicata. “John ed io, eravamo bambini che crescevano insieme, nello stesso ambiente con le stesse influenze”, ha detto McCartney a Rolling Stone nel 2016. “Conosce i record che conosco, conosco i record che conosce. Stai scrivendo le tue prime canzoncine innocenti insieme. Poi stai scrivendo qualcosa che viene registrato. Ogni anno passa, e si ottiene i vestiti più freschi. Poi scrivi la canzone più fresca per andare con i vestiti più freddi. Eravamo sulla stessa scala mobile-sullo stesso gradino della scala mobile, fino in fondo. È insostituibile – quel tempo, amicizia e legame.”

In breve, erano di famiglia. “È come un fratello. Lo amo”, ha detto Lennon, che è stato ucciso l ‘ 8 dicembre 1980, in una delle sue ultime interviste. “Famiglie-abbiamo certamente i nostri alti e bassi e le nostre liti. Ma alla fine della giornata, quando tutto è detto e fatto, farei qualsiasi cosa per lui, e penso che farebbe qualsiasi cosa per me.”

I Beatles durante “Sergeant pepper’s Lonely Hearts Club Band’ uscita nel Maggio 1967 a Londra, Inghilterra

Foto: Keystone-Francia/Gamma-Keystone via Getty Images

verso la fine dei Beatles, McCartney non ‘vedono un sacco di sostegno” dai suoi compagni

Ma la favola non ultimo. Quella che era iniziata come una collaborazione a quattro vie molto equa con i loro compagni di band dei Beatles George Harrison e Ringo Starr-che ha raccolto 20 No. 1 hits-si è sciolta in nient’altro che tensione.

In una sessione nel gennaio 1969, McCartney supplicò i suoi compagni di band secondo Rolling Stone, “Non vedo perché nessuno di voi, se non siete interessati, vi sia coinvolto. A cosa serve? Non può essere per i soldi. Perche ‘ sei qui? Sono qui perché voglio fare uno spettacolo, ma non vedo un sacco di supporto.”

È stato accolto con un silenzio gelido.

È stato un momento importante, che alla fine ha portato allo scioglimento della band l’anno successivo. Mentre le dita sono state puntate sull’amore di Lennon, Yoko On, e sul nuovo manager della band, Allen Klein, una miriade di fattori accumulati insieme causarono la leggendaria rottura nell’aprile del 1970.

La dinamica della band era sempre stata giusta, ma sottile. Da quando Lennon ha iniziato la band, tecnicamente aveva l’anzianità, anche se hanno sempre diviso i loro voti in modo uniforme in quattro modi. Il loro successo globale è stato così lontano dalla comprensione che hanno cercato di trovare uno scopo, prendendo un ritiro per studiare la meditazione trascendentale all’ashram di Maharishi Mahesh Yogi a Rishikesh, in India. Invece, ha aggiunto alla tensione, come hanno iniziato a lasciare uno per uno.

McCartney ha anche detto che la scoperta che Lennon e Lenn stavano usando l’eroina “è stato uno shock abbastanza grande”, aggravando lo stress. Tuttavia che ha giocato fuori a porte chiuse, è chiaro che McCartney e Lennon difficilmente collaborato alla musica insieme di nuovo dopo On ottenuto così in profondità nel quadro.

LEGGI DI PIÙ: Yoko On ha rotto i Beatles?

Quando i Beatles si sciolsero, Lennon disse ‘the dream is over’

Alla fine le dispute contrattuali, i disaccordi creativi — e oh-così-molti argomenti accesi (in uno, Lennon voleva che le sue canzoni e le canzoni di McCartney su lati opposti di un disco in vinile) si disfassero in rovina. E nell’aprile del 1970, dopo che McCartney si rifiutò di respingere l’uscita del suo debutto solista per consentire a Let It Be di uscire prima, lo scioglimento fu completo. McCartney ha battuto Lennon al pugno, annunciando ufficialmente la band era finita.

“Volevo farlo e avrei dovuto farlo”, disse Lennon. “Sono stato uno sciocco a non farlo, a non fare quello che ha fatto Paul, che è stato usarlo per vendere un disco. Ho fondato la band, l’ho sciolta. È così semplice… il sogno è finito.”

Ma McCartney ribatté che la rottura dei Beatles era dovuta alla” gelosia diretta “e che non era da biasimare poiché” Ringo lasciò prima, poi George, poi John. Sono stato l’ultimo ad andarmene! Non sono stato io!”

LEGGI DI PIÙ: Come i Beatles si sono riuniti e sono diventati la band più venduta di tutti i tempi

Lennon scrisse a McCartney una lettera arrabbiata

La fine dei Beatles non era la fine della rivalità tra Lennon e McCartney. Una lettera di Lennon, stimata in circa 1971, che è stata messa all’asta dalla RR House di Boston in 2016, ha catturato il livello della rabbia nel carattere dattiloscritto.

Scritto su carta intestata di Bag Productions Inc. – La compagnia congiunta di Lennon e Oko, recita: “Stavo leggendo la tua lettera e mi chiedevo quale fan del Beatle irritabile di mezza età l’abbia scritta”, continuando a puntare il dito contro la moglie di McCartney, Linda.

Uno dei passaggi più accesi recita: “Pensi davvero che la maggior parte dell’arte di oggi sia nata a causa dei Beatles? Non credo che tu sia cosi ‘ pazzo — Paul-ci credi? Quando smetti di crederci potresti svegliarti! Non abbiamo sempre detto che eravamo parte del movimento-non tutto? – Certo, abbiamo cambiato il mondo, ma cerca di seguirlo. SCENDI DAL TUO DISCO D’ORO E VOLA!”

Yoko Ono, John Lennon e Paul McCartney durante l’apertura del film ‘Sottomarino Giallo’ nel luglio del 1968

Foto: Keystone-Francia/Gamma-Keystone via Getty Images

Hanno cominciato a conciliare durante Lennon “Lost Weekend” periodo

a partire Dall’estate del 1973, all’inizio del 1975, Lennon è scomparso in un creativo e scandaloso periodo della sua vita alla sua Lost Weekend — di cui accidentali riconciliazione con McCartney.

Lennon era ai Burbank Studios il 28 marzo 1974, producendo un disco per Harry Nilsson — quando un visitatore senza preavviso si fermò: McCartney, insieme a sua moglie. ” Mi sono inceppato con Paul”, ha rivelato Lennon in una successiva intervista. “Abbiamo fatto un sacco di cose a Los Angeles, anche se c’erano altre 50 persone che giocavano, tutte solo a guardare me e Paul.” A partire da ora, è l’unico esempio registrato di loro che suonano di nuovo insieme prima della morte di Lennon. Il nastro della sessione è uscito su una versione bootleg, un Toot e un russare nel ‘ 74.

LEGGI DI PIÙ: All’interno del periodo “Lost Weekend” di John Lennon

McCartney ha ancora “molti sogni su John”

Negli ultimi anni di Lennon, gli amici continuavano a parlare di tanto in tanto. McCartney ha detto alla BBC, ” Vorrei fare chiamate a John di tanto in tanto,” ha detto. “Abbiamo appena parlato i bambini e la cottura del pane.”

Mentre i punti della loro ex unione iniziarono a essere cuciti, l’impensabile accadde quando Lennon fu ucciso a colpi di pistola proprio vicino alla sua casa di Dakota a New York nel 1980. ” È stato uno shock davvero grande nella vita di tutti, un po ‘come Kennedy”, ha detto McCartney al Jonathan Ross Show. “Era così triste che non lo avrei più rivisto, non saremmo usciti insieme.”

Al giorno d’oggi, McCartney sogna ancora il suo ex migliore amico, come ha rivelato al Late Show di settembre 2019. “Il fatto è che quando hai avuto una relazione del genere per così tanto tempo, è stata una relazione così profonda. Adoro quando la gente ti rivisita nei tuoi sogni. Quindi, spesso ho sogni di band e sono pazzi… Ho un sacco di sogni su John. E sono sempre buoni.”

Ma forse il suo ricordo più toccante era apparentemente banale pochi anni dopo lo scioglimento della band. “Mi ha abbracciato. È stato fantastico, perché normalmente non lo facevamo”, ha detto McCartney a Rolling Stone. “Ha detto,’ È bello toccare.’Ho sempre ricordato che-è bello toccare.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *