Chiedi a un ingegnere

Il suono può essere convertito in energia utile?

I suoni più forti si può stare in realtà non hanno molta energia in loroDi Sarah Jensen

Stare accanto alla rampa di ingresso di una superstrada trafficata all’ora di punta o camminare in un negozio di abbigliamento American Eagle e la prima cosa che noterete è il rumore. Il frastuono può sembrare assordante, ed è tentati di immaginare incanalare quell’energia sonora in un modo per alimentare lampioni e auto elettriche — o almeno per caricare il tuo smartphone.

“C’è sicuramente energia contenuta in quel suono,” dice David Cohen-Tanugi, vice presidente del MIT Energy Club e un John S. Hennessy Fellow nel Dipartimento di Scienza dei Materiali e Ingegneria del MIT. “Ma la densità dell’energia è molto bassa, e non c’è modo di catturare tutto. Dovresti avere un rumore oscenamente forte e continuo perché la raccolta valga la pena.”

Ciò che l’orecchio umano percepisce come cacofonia fragorosa — il rombo di un motore di treno o il lamento di un trapano pneumatico — si traduce solo in circa un centesimo di watt per metro quadrato. Al contrario, la quantità di luce solare che colpisce un dato punto sulla terra è di circa 680 watt per metro quadrato. ” Sono molti ordini di grandezza in più”, spiega Cohen-Tanugi. “Ecco perché è più efficiente raccogliere e conservare la luce solare usando i pannelli solari piuttosto che raccogliere energia dal suono. E la densità di energia nel petrolio e nel gas è ordini e ordini di grandezza più alti, rendendo la generazione di energia da quelle fonti, ancora più conveniente.”

Questo non vuol dire che i ricercatori non stanno esaminando modi per trasferire il rumore ambientale in energia elettrica. I treni e le metropolitane che passano non sono solo rumorosi, ma i loro dintorni tremano e vibrano mentre passano, e parte dell’emozione di un concerto rock sta nel sentire l’intero auditorium tremare. ” C’è una forte interazione tra le vibrazioni attraverso il mezzo che senti attraverso — aria o acqua — e gli oggetti fisici intorno a te”, afferma Cohen-Tanugi. “È perfettamente concepibile assorbire quel movimento e raccogliere energia utilizzabile. Non hai intenzione di alimentare una città con esso, ma è possibile alimentare piccoli dispositivi.”

Egli cita il lavoro di impianto con sede a Londra: Innovate, una società di ricerca architettonica che studia i modi per convertire le vibrazioni ambientali in elettricità. Mentre la folla cammina attraverso centri commerciali, arene sportive e altre aree ad alto traffico, piccoli generatori idraulici sotto le piastrelle del pavimento dell’azienda catturano le vibrazioni dei loro passi e generano abbastanza elettricità per alimentare le vicine stazioni di ricarica telefonica e illuminare la segnaletica elettronica e la pubblicità.

Anche se ancora in fase di ricerca, tale tecnologia potrebbe significare una nuova era nella produzione e conservazione di energia. ” La raccolta del rumore acustico riguarda più le vibrazioni meccaniche che il suono stesso”, afferma Cohen-Tanugi. “L’idea è sicuramente lì, ed è abbastanza promettente.”

Grazie a Sateesh Smart, un 20enne indiano, per questa domanda.

Pubblicato: 15 novembre 2011

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *