FAQ Fondazioni private

1. Che cos’è una fondazione privata o una fondazione familiare? Tecnicamente, è un’entità senza scopo di lucro che può essere controllata da una persona, una famiglia o un’azienda. A volte le fondazioni private sono indicate come “fondazioni familiari”. Sono organizzati esclusivamente per scopi caritatevoli, educativi, religiosi, scientifici e letterari ai sensi della Sezione 501(c)(3) del codice IRS. La fondazione deve essere ufficialmente riconosciuta dall’IRS affinché i contributi ad essa siano deducibili dalle tasse. In pratica, una fondazione privata è un veicolo di donazione pianificato unico che favorisce il coinvolgimento della famiglia, fornisce un controllo significativo sui beni e sulle donazioni e consente ai donatori di ricevere una detrazione fiscale immediata per le donazioni di beneficenza che vengono fatte in futuro.

2. Quali sono i vantaggi di una fondazione privata?

  • Eredità di famiglia. Una fondazione privata stabilisce un lascito di dare che può portare il nome della famiglia, sostiene le cause che sono importanti per voi, e promuove attività di beneficenza in futuro.
  • Controllo. Le fondazioni private forniscono il massimo controllo di qualsiasi veicolo di donazione pianificato. Decidi quali enti di beneficenza sostenere e come vengono investiti i beni. Hai anche grande latitudine per quanto riguarda i tipi di beni che si possono donare alla fondazione.
  • Coinvolgimento della famiglia. Una fondazione privata consente di coinvolgere la famiglia nella filantropia e trasmettere valori alle generazioni future.
  • Detrazione fiscale corrente per le sovvenzioni future. È possibile richiedere una detrazione fiscale immediata per i beni conferiti, anche se la fondazione non effettua sovvenzioni di beneficenza fino a una data successiva. Siete anche in grado di rimuovere i beni imponibili dal vostro immobile, senza incorrere in imposte sulle plusvalenze. (Consultare il proprio consulente fiscale.

3. Come si confronta una fondazione privata con un fondo consigliato da un donatore? La differenza sta principalmente nel controllo e nella flessibilità. Con una fondazione privata, il donatore mantiene il controllo sulle donazioni di beneficenza e altre erogazioni. Le fondazioni possono assumere personale, rimborsare le spese, impostare programmi strutturati come borse di studio e concedere sovvenzioni direttamente a persone bisognose. Inoltre, i donatori possono contribuire con una varietà molto più ampia di attività per finanziare la fondazione, come “144” restricted stock, e il fondatore mantiene il controllo su come vengono investiti i beni. I contributori a un fondo assistito dai donatori apportano contributi irrevocabili a un’organizzazione senza scopo di lucro che amministra il fondo e prende decisioni in merito agli investimenti del fondo. I contributori possono raccomandare enti di beneficenza ammissibili come beneficiari di sovvenzioni, ma l’organo di governo del fondo è libero di accettare o rifiutare qualsiasi raccomandazione.

4. Qual è la differenza tra una fondazione privata e un ente di beneficenza pubblico?

Il Foundation Center definisce una fondazione privata come un’organizzazione non governativa senza scopo di lucro con un fondo principale gestito da propri fiduciari o amministratori. Fondazioni private mantenere o aiuto caritatevole, educativo, religioso, o altre attività al servizio del bene pubblico, principalmente attraverso la realizzazione di sovvenzioni ad altre organizzazioni senza scopo di lucro.

Per capire cos’è una fondazione privata, aiuta a capire cosa non è. Tutti gli Stati Uniti. e la carità straniera che si qualifica ai sensi della Sezione 501 (c) (3) dell’Internal Revenue Service Code come esente da imposte è una “fondazione privata” a meno che non dimostri all’IRS che rientra in un’altra categoria. In generale, le organizzazioni che non sono fondazioni private sono enti di beneficenza pubblici come descritto nella Sezione 509 (a) dell’Internal Revenue Service Code.

Un’altra differenza tra fondazioni private e enti di beneficenza pubblici è che gli enti di beneficenza pubblici generalmente traggono il loro finanziamento o sostegno principalmente dal pubblico in generale, ricevendo sovvenzioni da individui, governo e fondazioni private. Sebbene alcuni enti pubblici di beneficenza si impegnino in attività di concessione (vedi informazioni e risorse di seguito su concessione enti pubblici di beneficenza), la maggior parte conduce servizi diretti o altre attività esenti da imposte. Una fondazione privata, d’altra parte, di solito deriva il suo fondo principale da un’unica fonte, come un individuo, una famiglia o una società, e il più delle volte è un concedente. Una fondazione privata non richiede fondi dal pubblico.

Non tutte le organizzazioni che usano la parola “fondazione” nel suo nome sono una fondazione privata e la parola “fondazione” non ha alcun significato legale in sé e per sé. Invece si deve guardare a come l’IRS designa un’organizzazione e informarsi se presentano un modulo 990-PF (la dichiarazione dei redditi presentata da fondazioni private) o un modulo 990 (la dichiarazione dei redditi presentata da enti di beneficenza pubblici e altre organizzazioni senza scopo di lucro).

5. Come possono essere utilizzati i beni della fondazione? Le donazioni a una fondazione privata possono essere utilizzate solo per scopi caritatevoli e alcune spese amministrative.

6. Posso io o i membri della mia famiglia essere impiegati dalla mia fondazione? Sì. Nominando i bambini o altri membri della famiglia come funzionari o direttori, si avrà la possibilità di rendere la fondazione un affare di famiglia. Tuttavia, pagare se stessi o familiari richiede il rigoroso rispetto delle regole dettagliate IRS. Per evitare il potenziale per problemi legali, è necessario consultare il proprio avvocato prima di pagare se stessi o familiari.

7. Posso la mia famiglia o io impegnarsi in transazioni con la fondazione? L’IRS proibisce severamente l’auto-negoziazione. Individui squalificati (il donatore, i discendenti lineari e gli antecedenti, ad es., i genitori, i figli e i loro coniugi, e le persone sotto il loro impiego) non possono impegnarsi in transazioni con la fondazione se non per fare donazioni ad essa, o in circostanze limitate, per ricevere un equo compenso del valore di mercato per i servizi. Esempi di self dealing includono:

* Acquisto di articoli o vendita di articoli alla fondazione.

* Uso personale del patrimonio o del reddito della fondazione.

* Prendere in prestito denaro dalla fondazione.

* Conservazione dei beni della fondazione (ad esempio, dipinti) in locali privati.

8. A chi può dare denaro una fondazione privata (fare sovvenzioni)? Le fondazioni private in genere svolgono la loro filantropia facendo sovvenzioni a enti di beneficenza pubblici riconosciuti. Questo include chiese e sinagoghe, istituzioni educative, scientifiche e culturali, agenzie di sollievo dalla povertà o qualsiasi altra organizzazione che si qualifica come un 501(c)(3) carità secondo l’IRS. In alcuni casi, una fondazione privata può fornire concedere denaro agli individui sotto forma di borse di studio o sovvenzioni per un particolare progetto come una sovvenzione d’arte.

Alle fondazioni private è generalmente precluso concedere sovvenzioni a campagne politiche o organizzazioni esistenti per influenzare la legislazione e il voto.

9. C’è un importo minimo o massimo che una fondazione privata deve dare via ogni anno? L’IRS richiede che le fondazioni private paghino almeno il 5% del patrimonio netto medio dell’anno precedente per scopi caritatevoli. Questo può includere alcune spese amministrative. Non esiste un limite massimo per dare.

10. A quali tipi di organizzazioni una fondazione privata può concedere sovvenzioni? Le fondazioni private possono dare a qualsiasi organizzazione riconosciuta dall’Internal Revenue Service come ente di beneficenza pubblico. Questo include chiese e sinagoghe, istituzioni educative, scientifiche e culturali, agenzie di sollievo dalla povertà o qualsiasi altra organizzazione che si qualifica come un 501(c)(3) carità secondo l’IRS.

11. Come si confronta un’organizzazione di supporto senza scopo di lucro con una fondazione privata?

Un’organizzazione di supporto è in realtà anche una fondazione privata, ma è trattata, ai fini fiscali, come un ente di beneficenza pubblico. Questo perché, sotto la legge fiscale, è così strettamente collegato ad almeno un ente di beneficenza pubblico che è quasi una parte di tale organizzazione. Il collegamento può essere realizzato avendo la maggioranza del consiglio di Fondazione nominato dalla carità pubblica. Oppure, lo scopo della Fondazione può essere quello di sostenere progetti specifici della carità pubblica, in quantità tali che il governo può essere ragionevolmente assicurato che la carità pubblica supervisionerà le attività della Fondazione. Lo status fiscale speciale è concesso perché il Congresso è comodo che il pubblico sarà protetto, attraverso la supervisione e il controllo da un ente di beneficenza pubblico. Fate attenzione, qui, però, perché l’IRS ha sempre più scrutato sia le applicazioni di nuove organizzazioni di supporto, e le loro operazioni, solo per essere sicuri che non v’è tale supervisione attiva e di controllo.

12. Quali sono le sanzioni per non aver effettuato il pagamento del 5% entro il periodo di tempo designato?

Il mancato pagamento minimo del 5% comporta una penalità pari al 15% dell’importo rimanente del pagamento totale che non è stato distribuito come richiesto. Ricorda, tuttavia, che questo requisito di pagamento del 5% non richiede il pagamento durante il primo anno di attività della fondazione; mentre ti stabilisci, puoi posticipare le sovvenzioni al secondo anno, ma non oltre (tranne in base a regole speciali di ritiro).

13. È legale risarcire i fiduciari / membri del consiglio di una fondazione di beneficenza?

Sì. Anche se la carità non può esistere per il beneficio significativo di un privato, servizio di bordo comporta devozione di tempo e competenza, per i quali gli individui possono essere ragionevolmente compensati.

La questione della compensazione “ragionevole” è una considerazione critica. Che cosa comprende pagamenti ragionevoli? La migliore linea guida può essere quello che altre fondazioni nella vostra zona, con attività simili, fare o non pagare i loro ufficiali. Queste informazioni sono pubblicamente disponibili, come è mandato federale.

14. Cos’è il self-dealing e perché è illegale?

Il self-dealing implica una transazione diretta o indiretta (generalmente una transazione finanziaria) tra la fondazione e una “persona squalificata” – anche se la transazione beneficerebbe della fondazione. Self-dealing comprende anche qualsiasi uso di reddito fondazione o beni da una fondazione privata a beneficio di una ” persona squalificata.”Le regole self-dealing sono delineate nella sezione Internal Revenue Code 4941 e sono state create per prevenire l’uso improprio dei fondi e dei beni della fondazione per il guadagno personale di funzionari / direttori e dei loro amici o familiari.

Squalificato persone comprendono, tra gli altri:

  • consiglio di amministrazione della Fondazione, amministratori, dirigenti o funzionari;
  • Sostanziale collaboratori di fondazione;
  • Un proprietario di oltre il 20% di tutto il commercio che è un sostanziale collaboratore;
  • i Membri della famiglia di cui sopra, compreso il coniuge, i figli, i nipoti, i pronipoti, i genitori, altri antenati, o coniugi di figli, nipoti o pronipoti;
  • una società in cui oltre il 35% del potere di voto è di proprietà di soggetti incapaci; e
  • Alcuni funzionari governativi.

Vietate le transazioni includono:

  • La vendita, lo scambio o il leasing di proprietà (ad esempio, l’acquisto di forniture per ufficio, di stampa o di assicurazione da un squalificato persona);
  • Il prestito di denaro o estensioni di credito;
  • L’arredamento di beni, servizi o strutture per i soldi;
  • Il trasferimento in o l’uso del reddito o del patrimonio di una fondazione per il beneficio di un squalificato persona; e
  • Il pagamento di denaro o di proprietà di un funzionario di governo.

Domande da considerare se si desidera avviare la propria fondazione:

1) Quale stato sarà la base della fondazione?

Le fondazioni sono organizzate secondo la legge statale e sono generalmente stabilite nello stato in cui la fondazione intende svolgere attività. A meno che le leggi variano drasticamente da regolamenti IRS nel vostro stato, in generale, non c’è bisogno di stato-shop quando si imposta una fondazione. Se la fondazione è costituita in uno stato, ma ha un ufficio primario in un altro stato, la legge richiede che si file ogni anno in entrambi gli stati.

2) Che tipo di fondazione?

  • Fondazione privata/indipendente / famiglia: L’IRS classifica un’organizzazione come una fondazione privata piuttosto che un ente di beneficenza pubblico quando il suo finanziamento proviene da fonti limitate – un individuo, una famiglia, una società o un piccolo gruppo di donatori – piuttosto che un grande sostegno da parte del pubblico in generale. I termini privato e indipendente sono spesso usati in modo intercambiabile con il termine family foundation. Le fondazioni familiari sono solitamente organizzate sotto forma di una società senza scopo di lucro o di un trust e la maggior parte del budget è solitamente costituita da sovvenzioni ad altre organizzazioni caritatevoli.

Le fondazioni private hanno maggiore autonomia e flessibilità rispetto ad altri tipi di fondazioni. Ad esempio, gli amministratori non sono soggetti a revisione costante da parte dei membri dell’organizzazione e non sono responsabili nei confronti degli azionisti. Le fondazioni private sono regolate da diverse normative legali rispetto agli enti di beneficenza pubblici e sono tenute a pagare una tassa sui redditi da investimento e a fare spese di beneficenza che equivalgono o superano il 5% della loro dotazione.

  • Società / Fondazione Aziendale: Questo modello è soggetto alle stesse regole di una fondazione privata, ma la fonte dei fondi è una società a scopo di lucro. Di solito ha una piccola dotazione che consente una riserva durante gli anni a basso profitto, i fondi passano attraverso la fondazione e le sovvenzioni generalmente provengono da contributi di beneficenza della società a scopo di lucro nello stesso anno.
  • Pass-Through o Conduit Foundation: una fondazione privata, non operativa di solito istituita da un donatore durante la sua vita per stabilire regole di governo in previsione di un grande lascito futuro. I donatori possono usufruire di regole di detrazione di beneficenza più liberali, nessun dono può essere utilizzato per costruire una dotazione e tutti i contributi devono passare attraverso la fondazione entro e non oltre due mesi e mezzo dopo la fine dell’anno fiscale in cui i doni sono fatti.
  • Fondo comune aggregato: in questo modello, uno o più donatori possono versare contributi raggruppati in un fondo comune. Un donatore (o il coniuge del donatore) può conservare il diritto di designare annualmente quali organizzazioni beneficeranno del reddito derivante dai contributi del donatore. Tutti i destinatari dei fondi devono essere enti di beneficenza pubblici come definiti nella Sezione 509 (a) (1) del codice fiscale. Lo strumento di governo del fondo deve prevedere distribuzioni e di fatto pagare tutti i proventi netti rettificati dopo alcuni altri requisiti sono soddisfatti.Questo modello fornisce anche al donatore un controllo sostanziale sulla distribuzione dei fondi e i donatori sono soggetti a regole di deduzione caritatevole più liberali.
  • Operating Foundation: gestisce direttamente il proprio programma di beneficenza (cioè gestisce un museo) invece di concedere sovvenzioni ad altre organizzazioni caritatevoli. I donatori possono usufruire di regole di deduzione caritatevoli più liberali e la fondazione in genere deve spendere almeno l ‘ 85% del suo reddito da investimento direttamente per il funzionamento delle sue attività caritatevoli. Si applicano altri regolamenti (vedi articolo).

3) La fondazione sarà costituita come ente di beneficenza o in forma societaria?

Molti donatori scelgono di creare un trust di beneficenza perché è semplice da creare e generalmente non richiede l’approvazione di un’agenzia governativa. La legge dei trust si basa su leggi comuni ed è quindi più flessibile e meno precisa delle leggi di costituzione. Trust hanno anche una maggiore flessibilità nel ricevere e lo smaltimento di beni immobili di società senza scopo di lucro.

D’altra parte, una società senza scopo di lucro offre una maggiore protezione dalla responsabilità per gli amministratori. Gli amministratori di una società senza scopo di lucro sono tenuti a standard fiduciari meno rigorosi rispetto ai fiduciari di un trust. La delega delle decisioni di investimento, l’ampliamento del consiglio di amministrazione o la sostituzione dei membri del consiglio possono anche essere trattati in modo più efficace nella forma societaria.

4) Come posso incorporare?

Se si sceglie di incorporare, il nome proposto dalla fondazione deve essere autorizzato dallo stato e un “certificato di incorporazione” o documento simile deve essere preparato in conformità con le leggi statali. I requisiti federali per lo status di esenzione come fondazione privata richiedono che il certificato includa:

  • lingua che stabilisce il suo scopo caritatevole, educativo o simile nella clausola di scopo;
  • una dichiarazione che gli utili della società non deve comportare alcun beneficio privato per i suoi soci, amministratori o funzionari (ad eccezione di un compenso ragionevole per i servizi personali resi);
  • una dichiarazione che non parte sostanziale delle attività dell’associazione sono costituite tentativi di influenzare la legislazione (eccetto nel caso in cui la legislazione può influenzare il funzionamento della fondazione) e che, inoltre, non partecipare a campagne politiche;
  • una clausola che prevede che in caso di liquidazione il patrimonio devono essere smaltiti a scopi di beneficenza,;
  • una dichiarazione che la società rispetterà i requisiti delle sezioni 4941, 4942, 4943, 4944 e 4945 dell’Internal Revenue Code.

Nota: Molte clausole di scopo sono redatte in linguaggio generale per semplificare il processo di ottenimento dell’esenzione fiscale e per consentire al consiglio di amministrazione di modificare la politica in futuro. La clausola di scopo dovrebbe essere redatta con maggiore specificità se l’intento del donatore è quello di assicurarsi che la fondazione aderisca strettamente a particolari scopi caritatevoli.

5) La fondazione creata avrà una vita limitata o perpetua?

La maggior parte degli stati danno vita perpetua alle società create per statuto, fornendo al contempo modi per i loro membri e gli altri di terminarli. Nella maggior parte degli stati, i trust creati per il beneficio della carità possono esistere in perpetuo. Alcuni donatori scelgono di limitare la vita della fondazione a un periodo di anni, al termine del quale tutti i beni devono essere distribuiti.

Di seguito sono riportate alcune questioni che devono essere considerate nel determinare la vita della fondazione: lo scopo caritatevole della fondazione è un’area con vita limitata o che può essere finanziata in perpetuo? Il lavoro sarà portato avanti dalle generazioni future o è qualcosa che il donatore vuole terminare in un determinato momento? La dotazione iniziale porterà nel futuro? La fondazione raccoglierà fondi da aggiungere alla dotazione? La fondazione istituirà una politica di investimento per aumentare la dotazione, o l’intento sarà che la dotazione iniziale venga erogata e la fondazione si sciolga al momento dell’erogazione finale?

6) Come sarà il corpo direttivo?

Una volta stabilita una fondazione, il donatore deve decidere la dimensione, la composizione, il metodo di elezione e il mandato del suo organo di governo. Le specifiche dell’organo di governo possono essere delineate nello statuto della fondazione piuttosto che nel certificato di costituzione perché saranno più facili da cambiare. Lo statuto dovrebbe contenere l’autorizzazione per la nomina dei comitati del consiglio, l’elezione dei funzionari, l’avviso e la rinuncia all’avviso di convocazione e disposizioni analoghe riguardanti l’amministrazione della fondazione. Fondamentalmente, dovrebbero chiarire che il consiglio ha l’autorità di gestire la fondazione.

7) Che cos’è una riunione organizzativa?

Sotto la legge dello stato, le società in genere tenere una riunione iniziale a: eleggere il direttore(i) degli ufficiali, adottare le corporation statuto, delibera di aprire conti in banca e firmare firma carte, stabilire l’anno fiscale, adottare un marchio aziendale, di fornire per il reclutamento di formazione iniziale o intermedio personale, registrare il verbale di questa riunione e file con successivi verbali di riunione, di essere tenuto per la vita della fondazione. Questo incontro può essere tenuto non appena lo stato ha approvato il certificato di costituzione della fondazione, rendendo così la fondazione una persona giuridica.

8) Come faccio a presentare lo stato di esenzione con IRS?

Dopo aver ricevuto il certificato di costituzione e l’adozione di statuto, la fondazione può chiedere l’esenzione dall’imposta federale sul reddito. Ciò garantirà che i contributi alla fondazione siano deducibili dalle tasse. Un modulo 1023 deve essere depositato presso il distretto di IRS appropriato entro quindici mesi dall’organizzazione della fondazione ai sensi della legge statale. Quando concesso, IRS riconoscimento dello status di esenzione sarà quindi retroattiva alla data di organizzazione.

Oltre al modulo 1023, una fondazione deve presentare un numero di identificazione del datore di lavoro sul modulo SS-4 (ciò è necessario indipendentemente dal fatto che la fondazione intenda assumere dipendenti). Dopo il deposito Form1023, la fondazione attende una lettera di determinazione da IRS (generalmente un paio di mesi). Nel frattempo, la fondazione deve presentare un modulo 990-PF con IRS e le autorità statali o prima della data di scadenza, come se lo stato federale esente da imposte è stato determinato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *