Fenway Health

Nel 1971, gli studenti della Northeastern University aprirono un centro di accoglienza nel seminterrato di un edificio di proprietà della Christian Science Church. Hanno chiamato il centro il Fenway Community Health Center e gestito con studenti di medicina volontari. Entro il 1973, la domanda era cresciuta al punto in cui Fenway incorporato come un centro di salute indipendente e ha cercato uno spazio più grande a 16 Haviland Street. Oggi, questo spazio funge da Fenway: Sixteen, la casa del Counseling HIV di Fenway, Test & Programma di referral, servizi di navigazione sanitaria, linee di assistenza e programmi per la salute degli uomini gay e bisessuali. La posizione di 16 Haviland Street è stata chiusa mentre Fenway continua i suoi tentativi di raggiungere un pubblico più ampio rispetto ai suoi tradizionali clienti LGBT+. Nel 1978, il centro divenne completamente autorizzato dal Dipartimento di Sanità pubblica del Massachusetts.

Fenway è stato coinvolto nel trattamento di pazienti HIV/AIDS nei primi anni 1980. Nel 1981, Fenway ha fatto la prima diagnosi di AIDS nel New England. Il coinvolgimento di Fenway con la ricerca di advocacy e HIV / AIDS ha portato alla sua selezione 1994 dall’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive come uno degli otto siti che reclutano partecipanti per i primi studi clinici di un vaccino contro l’HIV.

Nel 2001, Fenway ha lanciato il Fenway Institute, un centro interdisciplinare nazionale dedicato a garantire la competenza culturale nell’assistenza sanitaria per la comunità LGBT attraverso la ricerca e la valutazione, la formazione e l’istruzione, e la politica e la difesa.

Fenway Health todayFenway Health today

Fenway Health today

L’attuale Ansin Building Home di Fenway al 1340 di Boylston Street a Boston ha aperto le sue porte nel 2009. A dieci piani e 100.000 piedi quadrati (9.300 m2), è la più grande struttura di salute e ricerca LGBT negli Stati Uniti.

Nel 2013, Fenway Health ha aggiunto due organizzazioni alla famiglia Fenway: il LGBT Aging Project e il AIDS Action Committee.

A dicembre 2017, il CEO di Fenway, Steven Boswell, si è dimesso a causa della sua gestione di lamentele su un medico di primo piano che avrebbe molestato sessualmente e maltrattato i membri dello staff della clinica sanitaria. Secondo quanto riferito, Boswell ha ignorato una raccomandazione di uno studio legale indipendente di licenziare il medico con numerose denunce di molestie. Il consiglio del centro ha nominato M. Jane Powers, direttore della salute comportamentale di Fenway, come CEO ad interim, mentre viene condotta una ricerca per una sostituzione permanente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *