Grande domanda: il tuo ambiente può cambiare il tuo DNA?

Forse una delle uniche cose che ricordiamo dalla biologia di terza media è che il DNA non cambia. I 3 miliardi di lettere che compongono il tuo genoma personale sono con te per tutta la vita, un progetto master tramandato dai tuoi genitori. Ma non tutto su come funzionano i tuoi geni è programmato alla nascita. Simon Gregory, professore associato di genetica medica e codirettore del programma Duke Epigenetics and Epigenomics, spiega:

Mentre la sequenza di DNA potrebbe non essere influenzata dal tuo ambiente, il modo in cui i geni funzionano—chiamato espressione genica—può. Pensa al DNA come all’hardware di un computer; ci possono essere diversi tipi di programmi software che possono regolare ciò che fa l’hardware. L’epigenetica è lo studio dei cambiamenti ereditari nell’espressione genica che non comportano la modifica del DNA sottostante—in modo efficace, i cambiamenti del software che causano alterazioni nella funzione genica.

Fattori ambientali come cibo, farmaci o esposizione alle tossine possono causare cambiamenti epigenetici alterando il modo in cui le molecole si legano al DNA o modificando la struttura delle proteine che il DNA avvolge. Questi cambiamenti strutturali possono causare lievi cambiamenti nell’attività genica; possono anche produrre cambiamenti più drammatici attivando i geni quando dovrebbero essere spenti o viceversa.

Questi cambiamenti sono ereditabili, il che significa che possono essere trasmessi da una cellula genitore a una cellula figlia all’interno del corpo e da genitore a figlio. Uno straordinario studio sui sopravvissuti alla carestia olandese durante la seconda guerra mondiale, ad esempio, ha dimostrato che l’effetto dei cambiamenti epigenetici causati dalla fame non si manifesta nei figli dei sopravvissuti, ma nei figli dei loro figli. Questo forse suggerisce che l’adagio non dovrebbe essere semplicemente “Tu sei ciò che mangi”, ma anche “Tu sei ciò che mangiavano i tuoi nonni.”

Per saperne di più sulla ricerca di Duke sull’epigenetica, visita www.genome.duke.edu/DEEP/.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *