Introduzione

Come tutti i medicinali, questo medicinale può causare effetti indesiderati sebbene non tutte le persone li manifestino.

Nella maggior parte dei casi, le reazioni avverse si verificano soprattutto se usato a dosi elevate e in lunghi trattamenti.

Effetti collaterali visti dalla frequenza di presentazione: molto comune (può interessare più di 1 utilizzatore su 10); comune (può interessare fino a un utilizzatore su 10); non comune (può interessare fino a un utente su 100); raro (può interessare fino a un utente in 1000); molto raro (può interessare fino a un utente su 10.000); non nota (la frequenza non può essere stimata dai dati disponibili), sono stati:

disturbi Endocrini

Comuni: segni di iperattività surrenalica (sindrome di Cushing, una malattia causata da un aumento della produzione di un ormone chiamato cortisolo) ad alte dosi; in trattamenti prolungati insufficienza adrenocorticale (malattia caratterizzata da debolezza, sensazione di stanchezza per tutto il tempo, perdita di appetito e peso).

Frequenza non nota: crisi di feocromocitoma (effetto della classe dei corticosteroidi) (vedere paragrafo 2 “Avvertenze e precauzioni”), soppressione ipotalamo-ipofisi-surrene, induzione della sindrome di Cushing (i sintomi tipici includono obesità della parte superiore del corpo, faccia a forma di luna, pletora), atrofia surrenale (a volte permanente), ridotta tolleranza al glucosio, diabete, ritardo della crescita nei bambini.

Disturbi del metabolismo e della nutrizione

Comune: iperglicemia (aumento molto marcato dei livelli di zucchero nel sangue), polifagia (fame eccessiva).

Non nota: ipopotassiemia (diminuzione dei livelli di potassio nel sangue), ritenzione di liquidi e sodio.

Sono stati riportati casi di sindrome da lisi tumorale in pazienti con neoplasie ematologiche. Sindrome da lisi tumorale può essere rivelato dal vostro medico sulla base dei cambiamenti esami del sangue come l’aumento di acido urico, di potassio o di livelli di fosforo e diminuito il livello di calcio, e può causare sintomi come crampi muscolari, debolezza muscolare, confusione, perdita della vista o di disturbo, mancanza di respiro, convulsioni, battito cardiaco irregolare, o insufficienza renale (diminuzione della quantità o oscuramento delle urine). Se manifesta tali sintomi, deve informare immediatamente il medico (vedere paragrafo “Avvertenze e precauzioni”).

Patologie muscoloscheletriche e del tessuto connettivo

Comune: osteoporosi, fragilità ossea.

Frequenza non nota: atrofia muscolare preceduta da debolezza muscolare, osteoporosi, miopatia, fratture patologiche, compressione vertebrale in particolare osteonecrosi asettica della testa del femore, rottura del tendine (tendine di Achille), in particolare quando prescritto con fluorochinoloni.

Patologie gastrointestinali

Comune: ulcera gastrica.

Frequenza non nota: ulcera gastroduodenale, perforazione gastrointestinale e sanguinamento, pancreatite (infiammazione del pancreas) acuta, specialmente nei bambini.

Patologie del sistema ematico e linfatico

Comune: linfopenia (diminuzione dei linfociti nel sangue), eosinopenia (diminuzione degli eosinofili nel sangue), ritardo nella guarigione delle ferite.

Non comune: policitemia (aumento del numero di globuli rossi nel sangue), tromboembolia(intasamento di un vaso sanguigno dovuto alla formazione di trombi).

Non nota: leucocitosi (aumento del numero di globuli bianchi).

Disturbi della cute e del tessuto sottocutaneo

Faq: a dosi elevate, eruzione cutanea, irsutismo (crescita dei capelli), iperpigmentazione della pelle (colorazione di pelle in eccesso), e la sclerodermia (atrofia cutanea).

Non nota: atrofia cutanea, acne, ecchimosi, ipertricosi.

disturbi Psichiatrici:

Non nota: l’umore euforico, insonnia, mania, stato confusionale, depressione, sbalzi d’umore, psicosi.

Patologie del sistema nervoso

Non comune: disturbi neurologici, alta tensione cranica e miastenia (debolezza muscolare).

Non nota: pseudotumore cerebrale, convulsioni.

Patologie vascolari

Non nota: pressione alta, aumento del rischio di arteriosclerosi (indurimento delle pareti arteriose), aumento del rischio di trombosi, edema.

Patologie cardiache

Non comune: insufficienza cardiaca, cardiomiopatia ipertrofica nei neonati prematuri.

Disturbi generali e sito di somministrazione

Vampate di calore frequenti, ridotta resistenza alle infezioni, crescita ritardata nei bambini con trattamenti prolungati.

Non comune: edema (eccessivo accumulo di liquidi), sudorazione.

Non nota: guarigione ritardata della ferita.

Disturbi del sistema immunitario

Frequenza non nota: reazioni allergiche (inclusi, ma non limitati a: reazioni anafilattiche gravi, come aritmia, broncospasmo, ipo – o ipertensione, collasso circolatorio, arresto cardiaco, indebolimento del sistema immunitario), immunosoppressione (diminuzione della resistenza alle infezioni batteriche, virali, fungine e parassitarie), rischio di riattivazione di infezioni latenti, aumento del rischio di complicazioni dopo la vaccinazione.

Patologie del sistema riproduttivo e della mammella

Non comune: amenorrea (interruzione delle mestruazioni).

Non nota: irregolarità mestruali, diminuzione della potenza e della libido negli uomini.

Patologie oculari

Non nota: corioretinopatia (malattia dell’occhio che colpisce la retina e la coroide), visione offuscata, glaucoma, cataratta, complicanze delle ulcere corneali in pazienti con cheratite erpetica.

Patologie renali e urinarie

Non nota: crisi renale sclerodermica in pazienti già affetti da sclerodermia (una malattia autoimmune). I segni di una crisi renale sclerodermica sono l’aumento della pressione sanguigna e la diminuzione della produzione di urina.

Se uno qualsiasi degli effetti indesiderati peggiora, o se nota la comparsa di un qualsiasi effetto indesiderato non elencato in questo foglio, informi il medico o il farmacista.

Segnalazione di effetti indesiderati:

Se si verificano effetti indesiderati, si rivolga al medico o al farmacista.Questo include tutti i possibili effetti indesiderati non elencati in questo foglio. È inoltre possibile segnalarli direttamente attraverso il Sistema spagnolo di farmacovigilanza per i medicinali per uso umano: https://www.notificaram.es. Segnalando gli effetti indesiderati Lei può contribuire a fornire maggiori informazioni sulla sicurezza di questo medicinale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *