Karl Strauss Brewing Company

Nel 1988, Chris Cramer e Matt Rattner chiesero al cugino di Cramer, il mastro birraio Karl Strauss, di aiutarli a sviluppare un brewpub. Strauss era un ex vice presidente della produzione presso Pabst Brewing Company. Strauss accettò, contribuendo con la sua biblioteca di centinaia di ricette di birra, aiutando a progettare le operazioni di produzione della birra e servendo come portavoce della compagnia nelle pubblicità radiofoniche e nelle apparizioni pubbliche fino alla sua morte nel 2006.

Il primo brewpub dell’azienda, Karl Strauss Old Columbia Brewery and Grille, situato in Columbia Street nel centro di San Diego, ha aperto nel 1989. È stato il primo birrificio di qualsiasi tipo ad operare a San Diego dal 1953, e il primo brewpub in assoluto a San Diego. All’epoca l’industria della birra artigianale era agli inizi e lo standard americano per la birra era leggero, mite e prodotto in serie, ma Cramer sentiva che il paese era pronto per birre con più personalità. Credeva che ” Se potessimo ottenere questo stile di birra nella bocca della gente, potremmo creare convertiti.”

Il primo birrificio di distribuzione dell’azienda ha iniziato a produrre birra alla fine del 1991. Nel 1996 le operazioni di distribuzione della fabbrica di birra della società sono state spostate in un ufficio domestico di 22.000 piedi quadrati (2.000 m2) e in un edificio per la produzione di birra a Pacific Beach. Sempre nel 1991 l’azienda ha aperto il suo secondo brewpub: Karl Strauss Brewery Gardens a Sorrento Mesa. Altri brewpub sono stati aperti a La Jolla (1996) (posizione chiusa a partire da gennaio, 2021), Carlsbad (1999), Costa Mesa (2002), 4S Ranch nella contea nord di San Diego (2012), Temecula (2013), Anaheim (2016) e Downtown Los Angeles (2016). C’è anche un Karl Strauss brewpub all’Universal Citywalk di Los Angeles e un Karl Strauss “beer truck” al Disney California Adventure Theme park di Anaheim.

Nel 2009, la società ha collaborato con la Greenhouse alternative energy company in un programma per convertire i suoi rifiuti in etanolo per l’uso come combustibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *