Questi modelli sono stati “scuoiati vivi” per fare un punto sulla pelliccia (VIDEO)

Come sarebbe una fattoria piena di umani allevati per la loro pelle e i loro capelli?

Sarebbero chiusi in minuscole gabbie di filo spinato?

Sarebbero appesi nudi e scuoiati vivi?

In un nuovo cortometraggio intitolato “The Skin You’re In”, la regista Melanie Light mette in evidenza l’estrema crudeltà dell’industria delle pellicce capovolgendo la sceneggiatura, ponendo gli attori umani al posto degli animali uccisi per la loro pelle e pelliccia. Impiombato con filmati di testimoni oculari reali di animali negli allevamenti di pellicce, il video dà vita alla paura e all’agonia che sopportano volpi, visoni e persino cani. Guarda ora:

La pelle in cui ti trovi da Melanie Light su Vimeo.

Per gli animali negli allevamenti di pellicce, questo orribile scenario è un incubo reale. Questi animali provano la stessa paura, disperazione e dolore che provano gli umani, ma la loro sofferenza viene ignorata ogni volta che qualcuno acquista una pelliccia o un accessorio.

Se non indossi un cappotto fatto di pelle e capelli umani, non c’è giustificazione per indossarne uno fatto da un altro animale.

Oggi sono disponibili molte opzioni vegane alla moda, tra cui la pelliccia sintetica (realizzata in modacrilico o canapa) e lo “shearling” sintetico.”Il crescente numero di modelli senza pelliccia sulle passerelle è una chiara indicazione che è facile ottenere un look killer-per cui nessuno è stato ucciso.

nuovo video mostra cosa accadrebbe alle persone in una "fattoria di pellicce umane""human fur farm"

nuovo video mostra cosa accadrebbe alle persone in una "fattoria di pellicce umane""human fur farm"

Siamo tutti uguali. Impegno ad andare senza pelliccia oggi!

Prendi posizione contro la crudeltà promettendo di lasciare la pelliccia fuori dal tuo guardaroba. Quindi controlla la nostra guida alla moda vegana per imparare tutto ciò che devi sapere sui tessuti senza animali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *