Trattamento dell’occhio pigro negli adulti

È stato a lungo pensato che il trattamento dell’ambliopia, il termine medico per occhio pigro, dopo l ‘ “età critica” di 8-12 anni non fosse possibile. Sfortunatamente, molti optometristi e oftalmologi credono ancora, si riferiscono e condividono questa visione obsoleta. La ricerca, le prove cliniche ed i casi pazienti ben documentati, ora mostrano che l’ambliopia può essere trattata bene nel cappuccio adulto.

Se hai un occhio pigro e hai più di 17 anni, non lasciare che la tua età sia un deterrente. Anche gli adulti con occhio pigro possono spesso ottenere una visione migliore con il trattamento, quindi vale la pena parlare con il medico delle opzioni. La terapia della visione ha dimostrato di migliorare notevolmente le capacità visive dell’occhio pigro re-allenando il sistema visivo. Recenti studi hanno dimostrato che i percorsi neurali del cervello possono essere migliorati a qualsiasi età—questo significa che un occhio pigro può effettivamente essere trattato a qualsiasi età, anche in età adulta.

Plasticità cerebrale

In un estratto da Stereopsis e ambliopia: una mini-recensione. Levi et al spiegano: “La plasticità cerebrale è nota per raggiungere il picco durante un periodo critico nella prima infanzia e per diminuire successivamente (Bavelier et al., 2010; Movshon & Van Sluyters, 1981; Wiesel, 1982).”Continuano a spiegare che questo evidenzia l’efficacia dell’intervento precoce, ma l’ipotesi che la plasticità finisca dopo un periodo critico è stata dannosa per la cura del paziente.

Levi et al lament, ” Pazienti ambliopici di età superiore ai sette anni sono spesso detto che non saranno mai in grado di recuperare l’acuità visiva o stereovisione perché il loro sistema visivo è oltre il periodo critico per la visione binoculare. I giovani cervelli sono certamente molto più plastici di quelli più vecchi, ma gli ultimi 15 anni hanno dimostrato che la plasticità significativa può ancora essere indotta oltre il periodo critico se viene fornito un input appropriato.”Condividono molteplici riferimenti a sostegno di questa affermazione: Baroncelli, Maffei,& Sale, 2011; Bavelier et al., 2010; Hess, Thompson, & Baker, 2014; Levi, 2012; Levi & Li, 2009; Levi & Polat, 1996; Morishita & Hensch, 2008; Wong, 2012.

Sebbene possa essere più difficile trattare gli adulti, ci sono prove che i miglioramenti nell’acuità, nella percezione della profondità e nella capacità di vergenza sono tutti possibili attraverso la terapia della visione, la chirurgia oculare e l’allenamento percettivo visivo. L’ambliopia viene trattata attraverso una combinazione di lenti e terapia visiva attiva, inclusi programmi di realtà virtuale.

Stereo Sue

Soprannominata “Stereo Sue” dal neurologo Oliver Sacks in un articolo del New Yorker con quel nome, la dottoressa Susan Barry è l’autrice del libro Fixing My Gaze che descrive la sua sorprendente esperienza di ottenere la stereovisione 3D dopo una vita di vedere in sole due dimensioni.

Fixing My Gaze book di Susan Barry

Dr. Barry era strabico dagli occhi fin dalla prima infanzia e ha avuto tre interventi chirurgici come un bambino che, secondo lei, “ha fatto i miei occhi sembrano più o meno dritto.”Il Dott. Barry non ha sviluppato la stereovisione fino all’età di 48 anni quando è stata sottoposta a terapia di visione optometrica sotto la guida di un optometrista dello sviluppo. Come neurobiologo, Dr. Barry è in una posizione unica per raccontare la sua storia di vita perché lei può, e lo fa, dare spiegazioni scientifiche per il motivo per cui i suoi occhi e il cervello non poteva produrre immagini 3-D, e come ha risolto quel problema.

Terapia visiva per adulti con occhio pigro

Recenti ricerche

Recenti ricerche (Ziak at al) hanno mostrato una migliore acuità visiva e una migliore acuità stereo a livelli statisticamente significativi in pazienti ambliopici di età compresa tra 17 e 69 anni utilizzando la tecnologia di terapia visiva della realtà virtuale. Un altro studio recente (Ho et al, 2019) ha anche mostrato un miglioramento dell’acuità visiva e dell’acuità stereo in pazienti ambliopici e strabismici di età compresa tra 3 e 69 anni utilizzando la tecnologia di terapia della visione della realtà virtuale che in precedenza non avevano avuto successo nella terapia tradizionale di patch o occlusione.

Questi studi sono supportati da un altro studio di Vedamurthy et al in cui pazienti adulti di età compresa tra 19 e 56 anni con disturbi stereo (come l’ambliopia refrattiva, l’exotropia alternata e l’esotropia) si sono allenati settimanalmente in un ambiente di realtà virtuale dicottica e i partecipanti hanno apportato miglioramenti misurabili in aree come l’acuità visiva, la Questi studi hanno caratterizzato tutti il successo utilizzando attività di terapia visiva in popolazioni di pazienti adulti con diagnosi variabili. per maggiori informazioni clicca qui.stereo.com / who-is-stereo-sue/

  • Stereopsis e ambliopia: una mini-recensione. Levi DM, Knill DC, Bavelier D. Vision Res. 2015 Settembre; 114: 17-30. Accesso: www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25637854

  • Bavelier, D., Levi, D. M., Li, R. W., Dan, Y.,& Hensch, T. K. (2010). Rimozione dei freni sulla plasticità cerebrale adulta: dagli interventi molecolari a quelli comportamentali. La rivista ofNeuroscience, 30 (45), 14964-14971. In questo caso, il sistema di gestione dei dati personali non è più in grado di gestire i dati personali. Nuove prospettive nella terapia dell’ambliopia sugli adulti: Un ruolo critico per l’equilibrio eccitatorio/inibitorio. Frontiers in CellularNeuroscience, 5, 25. Letta: https://www.frontiersin.org/articles/10.3389/fncel.2011.00025/full

  • Hess, R. F., Thompson, B., & Baker, D. H. (2014). Visione binoculare in ambliopia: Struttura, soppressione e plasticità. Ottica oftalmica e fisiologica, 34(2),146-162. È possibile accedere a:https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24588532

  • Levi, D. M. (2012). Prentice award lecture 2011: Rimuovere i freni sulla plasticitànel cervello ambliopico. Optometria e Scienza della visione, 89 (6), 827-838. Per la prima volta, il programma è stato pubblicato nel 2009, con il nome di: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3369432/

  • Levi, D. M., & Li, R. W. (2009). Apprendimento percettivo come potenziale trattamento perambliopia: una mini-recensione. Ricerca di visione, 49(21), 2535-2549. Per la prima volta, il programma è stato pubblicato nel 1996, con il nome di: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19250947

  • Levi, D. M., & Polat, U. (1996). Plasticità neurale negli adulti con ambliopia.Atti della National Academy of Sciences degli Stati Uniti d’America,93(13), 6830-6834. Per ulteriori informazioni, visitare il sito: ,& Hensch, T. K. (2008). Periodo critico rivisitato: Impatto sulla visione.Opinione corrente in Neurobiologia, 18(1), 101-107. Il suo nome deriva dal nomehttps://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18534841, che significa:

  • Movshon, J. A., &Van Sluyters, R. C. (1981). Sviluppo neurale visivo. AnnualReview of Psychology, 32, 477-522. Per maggiori informazioni, consultare il sito . Sviluppo postnatale della corteccia visiva e l’influenza diambiente. Natura, 299, 583-591. È possibile accedere a: https://www.nature.com/articles/299583a0

  • Wong, A. M. (2012). Nuovi concetti riguardanti i meccanismi neurali dell’ambliopia e le loro implicazioni cliniche. Canadian Journal of Ophthalmology, 47, 399-409. Per ulteriori informazioni, consultare il sito: (2017). Trattamento dell’ambliopia di adulti con allenamento dicottico utilizzando il display montato sulla testa oculus rift di realtà virtuale: risultati preliminari. Accesso: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28659140

  • Ho et al. (2019) Trattamento binoculare per l’ambliopia negli adulti e nei bambini con filtraggio passa-basso quando la terapia di occlusione fallisce. ARVO 2019 Sessione Poster. https://www.seevividly.com/downloads/Ho_BV_Treatment_When_Occlusion_Fails_ARVO_2019.pdf

  • Vedamurthy I et al. (2016) Recupero della visione stereo schiacciando i bug virtuali in un ambiente reale virtuale. Phil. Trans. R. Soc. B 371: 20150264.http://dx.doi.org/10.1098/rstb.2015.0264
  • Trova un Vivid Vision Provider

    Oltre 405 Vivid Vision Provider prescrivono la realtà virtuale a fianco di patch e terapia di visione per trattare il vostro occhio pigro. Iscriviti attraverso il nostro medico localizzatore per vedere se Vivid Vision è giusto per te.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *