Ultimate Guide to Panorama Photography

Ultimate Guide to Panorama Photography

Ciao a tutti, mi chiamo Alex Wides. Fotografo dal 2008, anche se qualche anno fa ho scelto di occuparmi solo di fotografia di paesaggio. A quel tempo, ho deciso di sperimentare molti diversi tipi di stili. Da un po ‘ di tempo sono innamorato della fotografia panoramica.

  • Dai un’occhiata a questi tour fotografici e workshop
  • Guarda questi 25 consigli utili per migliorare rapidamente la tua fotografia di paesaggio
  • Trova una vasta gamma di articoli per migliorare la tua fotografia

Le foto panoramiche sono molto belle. Trovo che inquadrando punti diversi in un certo modo, puoi mostrare tutta la bellezza di ciò che ti circonda. Rispetto alla normale fotografia di paesaggio, le foto panoramiche ti danno l’opportunità di mostrare la vasta e immensa bellezza della natura, come grandi montagne, scogliere, ghiacciai o deserti.

Allo stesso tempo, le foto panoramiche possono essere una grande sfida: è necessario disporre di attrezzature fotografiche panoramiche specifiche e trovare luoghi adatti in cui fotografare (spesso in cima alle vette più difficili da raggiungere!). A parte questo, fare una grande foto panoramica include un sacco di pianificazione.

Vedo spesso molti fotografi che fanno panorami intorno ai 180° o poco più. Non vedo quasi mai panorami estremi come il mio, il che mi rende un po ‘ triste perché con una vista a 360°, si può apprezzare la bellezza di un luogo nella sua interezza.

In questo articolo, spiegherò tutto ciò che devi sapere sulla fotografia panoramica, da cosa è un panorama a come puoi realizzare con successo incredibili foto panoramiche del paesaggio da solo. Parlerò anche un po ‘ del mio stile e della mia visione di rappresentare il mondo attraverso la fotografia panoramica.

Ultimate Guide to Panorama Photography - video
  • Vedi anche: Impostazioni della fotocamera consigliate per la fotografia di paesaggio

Che cos’è un panorama?

Il significato letterale di un panorama è una “ampia visione generale da un punto elevato, particolarmente apprezzabile dal punto di vista estetico e turistico”.

Il formato panoramico si sta evolvendo sempre di più nel mondo della fotografia, essendo diventato popolare in gran parte nel regno della fotografia immobiliare. Dato che c’era la necessità di mostrare il maggior numero possibile di una casa in spazi ristretti come piccole stanze o cucine, molti fotografi immobiliari hanno trovato necessario trovare un modo per rendere queste aree all’interno di una casa più grande. In tal modo, sono stati in grado di concentrarsi su determinate caratteristiche di ogni spazio, non scattando molte foto per dimostrare diverse angolazioni, ma avendo una singola immagine che trasmetteva ogni elemento al suo interno.

Il formato panoramico è stato sviluppato per consentire al fotografo di catturare tutto ciò che li circonda con una singola foto.

Inizialmente, questo processo è stato fatto attraverso l’uso di telecamere che si muovevano. Tuttavia, fare una singola foto panoramica con l’uso del film era molto difficile, in quanto implicava il pensiero più grande dell’inquadratura dell’obiettivo.

Ultimate Guide to Panorama Photography - video

Nel corso del tempo, la fotografia panoramica si è evoluta e con l’avvento delle fotocamere digitali, è diventato ancora più facile con l’uso di strumenti specifici per consentire la rotazione.

Le foto panoramiche sono immagini davvero interessanti. Scattando con un angolo molto ampio per un ampio campo visivo, queste foto diventano diverse dal solito. Sono originali e affascinano le menti di molte persone.

È possibile fare un panorama semplicemente utilizzando un obiettivo estremamente grandangolare, prendendo un solo colpo e quindi utilizzando un ritaglio panoramico per rendere un lato (sia il bordo orizzontale o verticale) notevolmente più lungo rispetto all’altro. Puoi anche creare un panorama cucendo insieme più scatti per ingrandire l’angolo di vista e includere più elementi nella cornice.

Quando i fotografi hanno iniziato a sperimentare le foto panoramiche, hanno scattato con angoli di visuale di 150°. Le fotocamere digitali hanno permesso loro di andare ancora più in alto con angoli di vista sul campo. In questi giorni, è possibile effettuare panorami estremi fino a 360 per 180°!

La fotografia panoramica si è evoluta per consentire di catturare grandi grattacieli in un unico scatto, nonché per consentire tour virtuali degli interni degli edifici con panorami che consentono all’utente di muoversi all’interno dell’inquadratura. Per darvi un’idea di quanto si sia pensato alla creazione di panorami – Google è stato uno dei primi investitori nella fotografia panoramica, sviluppando la piattaforma” Street View ” e consentendo agli utenti di caricare i loro scatti a 360° fornendo una fotocamera speciale durante il loro trekking!

Lo sviluppo di strumenti dedicati alla fotografia panoramica è stato altrettanto rapido. Sul mercato oggi, ci sono diversi marchi che offrono telecamere a 360° (sono generalmente due telecamere con specchi 180), che danno la possibilità di girare un video a 360°. Dieci anni fa, questa era apparentemente un’impresa impossibile.

Guida definitiva alla fotografia panoramica Panorama a 360° alle Tre Cime di Lavaredo (Dolomiti). Foto di: ‘Alex Wides’.

  • Vedi anche: 10 Consigli essenziali per la fotografia di paesaggio in Islanda

Il rapporto tra immagini panoramiche e fotografia di paesaggio

Nel corso degli anni, la fotografia di paesaggio si è evoluta molto, alternandosi in modi diversi per consentire ai fotografi di rappresentare una scena in natura. C’è stata una fase durante la quale il teleobiettivo è stato usato molto per mostrare i dettagli della natura, prima che i fotografi di paesaggio tornassero in gran parte all’obiettivo grandangolare per un campo visivo più ampio sulla scena. In questi giorni, puoi persino creare composizioni intime con un obiettivo di media lunghezza focale.

È innegabile, tuttavia, che di fronte a un paesaggio mozzafiato, la prima cosa che viene in mente è di includere più parti possibili nella cornice e di mostrare la grande bellezza della natura in tutta la sua vastità.

Che sia verticale o orizzontale, alcuni di noi vogliono sempre aumentare l’angolo di visione per consentire allo spettatore di vedere più parti del paesaggio.

Da qui la necessità di orientarsi verso grandangoli sempre più estremi; ne è un esempio il gran numero di fotografi che oggi utilizzano obiettivi grandangolari come 10mm o 12mm.

Un problema che si crea con l’uso di questi obiettivi è la distorsione. Sfortunatamente, le caratteristiche costruttive di questi strumenti impediscono che la scena venga visualizzata correttamente. Invece, vengono introdotte distorsioni prospettiche, alterando le linee orizzontali e verticali della scena. Questa è una brutta cosa, specialmente nella fotografia di architettura.

Ultimate Guide to Panorama Photography - video

  • Vedi anche: Comprendere gli istogrammi nella fotografia di paesaggio

Qual è il giusto rapporto di aspetto da utilizzare?

Generalmente partiamo da un rapporto altezza / larghezza di 1/2. Ciò significa che per avere una foto che può essere definita panoramica, deve avere almeno il doppio dei lati dell’altra. Questo è vero per il lato verticale come per quello orizzontale.

Non ci sono regole sull’angolo di campo – non è obbligatorio nella fotografia panoramica e molti fotografi scattano foto normali con un obiettivo grandangolare (ad esempio con 114° di angolo di campo, come un obiettivo Sigma Art da 14 mm) e poi semplicemente ritagliano il fotogramma in 1/2.

Tuttavia, non mi piace questo approccio. Il mio metodo preferito è quello di cucire insieme più fotogrammi fino a raggiungere il rapporto desiderato.

Il formato più comune nei panorami è 1/3, specialmente nel caso di 360°, che porta a un lato largo considerevolmente più lungo rispetto al lato dell’altezza. Questo formato è stato ereditato da cineprese come la Fuji 617, mentre molti autori hanno realizzato diversi panorami con questo formato.

Guida definitiva alla fotografia panoramica - video
  • Vedi anche: I migliori rapporti d’aspetto per la fotografia di paesaggio in Islanda

Tipi di Foto Panoramiche

Esistono tre diversi tipi di fotografia panoramica, ognuno dei quali presenta alcune difficoltà e parametri da rispettare sia nelle fasi di ripresa che di montaggio:

Virtual Tour

Questi sono quasi considerati come video. Sono i tipi di immagini che consentono di esplorare gli interni di case o uffici. Tour virtuale le foto panoramiche sono ampiamente utilizzate nella pubblicità per consentire allo spettatore di entrare nella scena ed esplorarla con un semplice clic del mouse o ruotando il proprio smartphone.

Ultimate Guide to Panorama Photography - video

Panorama verticale

Se immaginiamo un panorama, la prima cosa che viene in mente è un panorama orizzontale, come un orizzonte. Come dico sempre durante i miei workshop: “se abbiamo un soggetto con estensione orizzontale come il mare o alcune colline o lo skyline delle città, può essere un pano orizzontale. Se invece ci troviamo di fronte ad un elemento verticale, come una montagna alta, sarebbe meglio avere un pano verticale”.

Ultimate Guide to Panorama Photography - video

Panorama orizzontale

Questo tipo di panorama è la foto classica con il lato orizzontale che è almeno due volte più grande del lato verticale. In questi giorni, alcuni fotografi combinano centinaia di immagini ad alta risoluzione per creare panorami giganteschi, chiamati “gigapixel”. Ovviamente, queste tecniche avanzate richiedono molti strumenti costosi. Per il nostro tipo di foto panoramiche, l’attrezzatura è abbastanza semplice.

Guida definitiva alla fotografia panoramica Panorama a 360° nelle grotte di ghiaccio (Islanda). Foto di: ‘Alex Wides’.

  • Vedi anche: Le migliori raccomandazioni per la fotografia in Islanda

Le migliori attrezzature per la fotografia panoramica

Per impostare un panorama a 360°, è necessario utilizzare attrezzature dedicate per le riprese e un’app fotografica panoramica per aiutarti a pianificare e modificare gli scatti.

Fotocamera

Fondamentalmente, non esiste una vera fotocamera ideale per la fotografia panoramica, ma devi tenere a mente diversi aspetti. In generale, la fotografia panoramica è per mostrare una porzione significativamente più grande della scena rispetto a una fotografia classica. Se usiamo un obiettivo grandangolare, allora avremo più possibilità di allargare il nostro campo visivo, ancora di più che se usiamo una fotocamera che ci permette di sfruttare angoli più ampi senza penalizzarci con il fattore di ritaglio. Come tale, una fotocamera full-frame è sicuramente più adatta alla fotografia panoramica di un sensore di ritaglio.

Se non si dispone di una fotocamera full-frame, allora si può comunque utilizzare un APSC con qualche accortezza: prima di tutto, sarà necessario un obiettivo molto ampio, come il 10-16mm Tokina. Con il fattore del raccolto, raggiungerà 15-16mm, riducente l’angolo di vista. Dovrai quindi fare uno o due fotogrammi in più per avere una larghezza di campo sufficiente.

Ultimate Guide to Panorama Photography - video
  • Vedi anche: Le migliori fotocamere per la fotografia di paesaggio nel 2019

Lenti

L’obiettivo migliore per le fotografie panoramiche non esiste. Tuttavia, possiamo cercare un obiettivo che si adatta alle nostre esigenze, a seconda di ciò che dobbiamo fotografare.

Ad esempio, se si vuole fotografare montagne in lontananza per catturare un sacco di dettagli, l’obiettivo ideale sarà probabilmente un teleobiettivo zoom. Questo perché ti permetterà di avvicinarti (virtualmente, ovviamente) al tuo soggetto.

Il caso è completamente diverso se si vuole fotografare un paesaggio espansivo e includere molte parti all’interno dell’inquadratura, partendo magari dalla parte anteriore dei nostri piedi. Per questo tipo di fotografia panoramica, l’obiettivo ideale è un grandangolo, qualcosa come un 14mm su full-frame può essere l’ideale.

Non dimentichiamo che più lungo sarà l’obiettivo (35, 50, 85mm …), più stretta e più lunga sarà la foto. Al contrario, se usiamo un obiettivo molto grandangolare, avremo una visione più equilibrata tra il lato lungo e quello corto.

  • Vedi anche: I migliori obiettivi per la fotografia di paesaggio per fotocamere Sony E-Mount

Treppiede

Il treppiede è generalmente uno strumento molto importante nella fotografia. Direi anche che è indispensabile nella fotografia di paesaggio, soprattutto se si scatta con poca luce o filtri. Detto questo, il treppiede ideale per la fotografia panoramica dipende dal tipo di fotografo che sei. Se ti piace andare in montagna, allora il peso sarà probabilmente un problema. Tuttavia, se sei un fotografo di paesaggi marini, allora avrai meno problemi di peso, poiché il tuo treppiede deve essere stabile e solido per resistere alla brezza.

Nella fotografia panoramica, prendere più fotogrammi per cucire insieme in seguito può essere influenzato dai movimenti della fotocamera. Anche pochi millimetri possono fare la differenza. Come tale, è una buona idea avere un treppiede solido con una grande base di rotazione. Io uso un torneo Feisol CT-3442, anche se si dovrebbe fare la propria ricerca per vedere che cosa vi si addice meglio.

Pano Testa

Diversi strumenti molto importanti devono essere montati sopra il treppiede. Questi includono:

1) un livellamento base (che può benissimo essere una testa a sfera)

2) un rotatore (meglio se si ha il “click” che si alternano rotazione)

3) un nodali targa (che può essere piana o a “L” a forma di)

Questi accessori possono essere molto costoso, in effetti, stiamo parlando di un tipo di fotografia che richiede l’acquisto di strumenti dedicati per essere in grado di fare di meglio.

Ultimate Guide to Panorama Photography - video
  • Vedi anche: Camera& Gear Reviews

Come vengono scattate le foto panoramiche?

Prima di tutto, il treppiede deve essere stabile, quindi è ideale trovare una buona superficie di appoggio per avere le gambe ben ancorate a terra. Questo è davvero importante e il successo di una buona fotografia panoramica dipende molto da questo.

Con la fotocamera in modalità verticale e la testa pano perfettamente allineata con il terreno (centrare la bolla d’aria), dobbiamo poi pensare alla distanza dal soggetto e all’errore di parallasse. Più ci avviciniamo all’argomento, peggio sarà. Se stiamo usando una piastra nodale o una testa di pano, allora dovremo calcolare il punto nodale.

Qual è il Punto Nodale e l’errore di Parallasse?

Il modo più semplice per spiegarti il punto nodale è con un piccolo esperimento.

Accendere la fotocamera e la vista dal vivo. Ora metti una delle tue mani davanti all’obiettivo e allarga le dita. Vedrete alcune parti dello sfondo tra le dita, giusto?

Spostiamo la fotocamera a sinistra e a destra come se fosse sul treppiede. Vedrete le dita cominciano a nascondere le diverse parti dello sfondo. Questo è noto come “errore di parallasse”.

Possiamo risolvere questo problema con una testa treppiede specifica e un accessorio chiamato testa nodale (o testa panoramica/piastra), che consente la rotazione della fotocamera attorno al punto nodale. Due marchi popolari che producono questi accessori sono Novoflex e Nodal Ninja. Ogni combinazione fotocamera-obiettivo ha un punto nodale diverso, un punto che elimina virtualmente questo effetto.

L’errore di parallasse può essere molto invadente nei panorami realizzati con un primo piano molto vicino, quindi dovresti prendere in considerazione l’acquisto di una testa di pano per migliorare la tua fotografia panoramica. Pensa a quante volte vorresti scattare foto panoramiche perfette ed estreme (oltre i 200°), così come quante volte dovrai allineare gli scatti con un errore inferiore al 3%. Oggettivamente, non è necessario avere una testa di pano, quindi pensa se vale la pena acquistare prima di effettuare l’investimento.

Se non è possibile impostare il punto nodale, sarà sufficiente scattare mantenendo almeno il 30% del fotogramma precedente nella ripresa ogni volta che si sposta la fotocamera per scattare una nuova ripresa. Avrete anche bisogno di prendere tre colpi (bracketing) per ogni fotogramma.

Guida Definitiva al Panorama della Fotografia - video
  • Vedi anche: la Fotografia di Paesaggio Impostazioni | Come Impostare la messa a Fuoco

Impostazioni della Fotocamera per la Fotografia Panoramica

Prima di descrivere le impostazioni corrette, è importante chiarire qualcosa su lunghe esposizioni. Nella fotografia panoramica, ci possono essere diversi elementi all’interno della scena che sono spesso difficili da leggere correttamente per il software di cucitura, generando complicazioni sull’assemblaggio dell’intero panorama. Il mio consiglio è di evitare lunghe esposizioni con nuvole, acqua o piante che si muovono. Durante la lunga esposizione, si rischia il disallineamento di questi elementi, con la possibilità che il software non possa montare il panorama.

Esposizione

Quando si prende un panorama, è molto importante leggere la luce sul punto più luminoso della scena. Questo perché se non si legge l’esposizione sul punto più luminoso, ma ad esempio su una parte più scura della scena, si rischia di arrivare al punto di retroilluminazione con l’impostazione troppo sovraesposta e questo farà sì che l’area retroilluminata appaia troppo luminosa, bruciando le luci e rendendole irrecuperabili.

Per quanto riguarda le ombre, non avrete alcun problema se impostate la vostra fotocamera su staffa (multiesposizione manuale, che genera tre file RAW a diverse esposizioni) con 2 stop di differenza, che vi permetteranno di recuperare le ombre utilizzando la foto sovraesposta.

Ultimate Guide to Panorama Photography - video

  • Vedi anche: Ultimate Guide to Long Exposure

Aperture

Di solito, l’apertura ideale per la fotografia panoramica coincide con la fotografia di paesaggi normali. Infatti, l’apertura che si sceglie dipenderà in gran parte l’obiettivo che si utilizza. Avrete bisogno di un sacco di profondità di campo per consentire allo spettatore di vedere i dettagli del paesaggio attraverso l’intero fotogramma. Come tale, è una buona idea chiudere il f-stop, assicurandosi di avere un’esposizione costante mentre si ruota la fotocamera.

  • Vedi anche: Cos’è Aperture? Introduzione all’apertura nella fotografia

Messa a fuoco

La messa a fuoco è abbastanza semplice. Quando si effettua una foto panoramica, raramente il treppiede è troppo basso, quindi basta mettere a fuoco all’infinito con un’apertura chiusa.

Durante le sessioni notturne, impostare la messa a fuoco è un po ‘ più complicato, a causa del basso livello di luce. In queste situazioni, è necessario impostare un’apertura maggiore e perdere la profondità di campo, il che significa che potrebbe essere necessario scattare almeno due scatti con una messa a fuoco diversa per ogni fotogramma.

  • Vedi anche: A Fundamental Guide to Sharp Focus in Handheld Landscape Photography

Bilanciamento del bianco

Di solito lascio il bilanciamento del bianco impostato su automatico. Se si sta girando in RAW, si sarà in grado di risolvere il problema in un secondo momento durante la post-elaborazione.

Scatto remoto

Non è essenziale utilizzare un controllo di scatto remoto per la fotografia panoramica, come avrete raramente bisogno di fare una lunga esposizione. La maggior parte del tempo, è possibile impostare la fotocamera per ritardare almeno due secondi per consentire di stabilizzare dopo aver premuto il pulsante di scatto.

ISO

La sensibilità ISO deve essere costante, così come il resto dei parametri di esposizione (velocità dell’otturatore e apertura).

  • Vedi anche: Il triangolo di esposizione: Diaframma, ISO &Tempo dell’otturatore Spiegato

Composizione fotografia panoramica

Nonostante la fotografia standard (dove possiamo vedere immediatamente il risultato dello scatto sul display della fotocamera), nella fotografia panoramica, dovrai prima visualizzare il tuo progetto fotografico. Una cosa importante che ho imparato nel corso degli anni è che un panorama deve essere sempre equilibrato. È possibile avere un buon equilibrio dell’immagine posizionando bene gli elementi e la luce. Ecco un paio di esempi diversi:

Guida definitiva alla fotografia panoramica Panorama a 360° nel deserto del Sahara. Foto di: ‘Alex Wides’.

Il focus sull’immagine sopra è al centro. L’illuminazione e la composizione invitano l’occhio dello spettatore a guardare al centro dell’immagine.

Guida definitiva alla fotografia panoramica Panorama a 360° a Vestrahorn (Islanda). Foto di: ‘Alex Wides’.

In questa foto, la messa a fuoco è sui lati (lato sinistro con elementi bilanciati dal lato destro con una sorgente luminosa).

  • Vedi anche: Ultimate Guide to Composition in Photography

Come scattare un panorama verticale

Abbiamo parlato un po ‘ della fotografia panoramica verticale, che può darti grandi soddisfazioni se sei in grado di farlo bene. È anche considerato come una categoria separata nei concorsi internazionali, come gli Epson Pano Awards, che è il concorso più importante che riconosce la fotografia di paesaggio panoramica oggi.

Per catturare eccellenti fotografie panoramiche verticali, è possibile utilizzare lo stesso sistema utilizzato per la fotografia panoramica orizzontale. La tecnica è la stessa, ma dovrai montare la fotocamera orizzontalmente, cosa che puoi fare direttamente sulla testa a sfera o sulla piastra nodale. Utilizzando una piastra nodale si tradurrà in meno errore di parallasse, in modo che il software sarà in grado di allineare le immagini panoramiche più facilmente.

Dovrai semplicemente scattare diverse fotografie con la fotocamera in formato orizzontale, alzando il fotogramma per ogni scatto e mantenendo il 30% dello scatto precedente nel fotogramma successivo.

Una volta visualizzati e posizionati tutti gli elementi nella tua mente, sarai pronto a scattare con questa tecnica.

Ultimate Guide to Panorama Photography

Ultimate Guide to Panorama Photography Panorama a 360° a Segla, Isola di Senja (Norvegia). Foto di: ‘Alex Wides’.

Panorami notturni

Per la fotografia panoramica notturna, è necessario prestare molta attenzione a quanta luce legge la fotocamera. Ci deve essere abbastanza luce per mostrare forme nitide e ben definite, in modo da consentire al software la possibilità di montare correttamente il panorama. Questo perché il software utilizza contorni e forme per rendere l’interpolazione dei diversi fotogrammi.

Se non c’è abbastanza luce, o se l’orizzonte non è ben definito, allora è una buona idea prendere più scatti di quello che serve per assicurarsi che avrete abbastanza foto per formare il panorama in seguito durante la post-elaborazione.

Ultimate Guide to Panorama Photography 300 ° winter Milky Way panorama in Corse (Francia). Foto di: ‘Alex Wides’.

E ‘ anche una buona idea per formare una routine per consentire di distinguere tra ogni serie di foto panoramiche, per esempio, prendendo un selfie dopo l’ultimo fotogramma in una sequenza.

Come cucire panorami nel software

Per cucire i panorami, uso due diversi tipi di software: Photoshop e PTGui.

Cucire un panorama in Photoshop ti dà il vantaggio di utilizzare la funzione “panorama HDR”, dove avrai la possibilità di selezionare tutte le immagini e cucirle rapidamente in un pano. Sarete quindi in grado di vedere una vista completa in DNG con le tre esposizioni, in modo da poter vedere la gamma dinamica di luci e ombre scure.

Ultimate Guide to Panorama Photography - video

Con PTGui, è possibile cucire le immagini insieme utilizzando il seguente metodo:

  • In primo luogo, cucire le singole immagini HDR.

  • Modifica le 6-8 immagini finali o 10 DNG con Camera RAW.

  • Salvare i file in TIFF e montare i TIFF in panorama con PTGui.

In questo caso, puoi anche scegliere il centro del pano, ruotando l’intera immagine.

Guida definitiva alla fotografia panoramica Panorama a 360° in Sardegna (Italia). Foto di: ‘Alex Wides’.

La ripresa di foto panoramiche del paesaggio può essere complicata. Ho lavorato con la fotografia panoramica per molto tempo e ho solo poche foto da mostrare per questo. È tremendamente difficile trovare luoghi con una buona vista a 360°, dove tutti gli elementi si bilanciano perfettamente. È anche difficile immaginare di avere un portfolio che includa solo panorami brillanti, ma è possibile integrare una buona galleria di foto di paesaggi con alcuni panos estremi per aiutarti a raccontare la tua storia. Spero che questa guida ti abbia dato abbastanza informazioni per uscire e iniziare a scattare le tue foto panoramiche!

Circa l’autore: Alessandro Cantarelli, aka “Alex Wides”, è un fotografo del paesaggio basato in Italia. Puoi trovare più del suo lavoro sul suo sito web o seguendolo su Facebook e Instagram.

Pratica le tue abilità di fotografia panoramica nei vasti paesaggi dell’Islanda. Unisciti a noi in un tour fotografico invernale nella Terra del fuoco e del ghiaccio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *