Vendere beni a un trust concedente intenzionalmente difettoso

Vendere beni a un trust irrevocabile intenzionalmente difettoso (IDIT) può essere utilizzato per trasferire beni ai beneficiari in modo fiscale.

Vendere beni a un IDIT può rimuovere beni e qualsiasi crescita di valore su tali beni, dal tuo immobile con conseguenze fiscali ridotte o minime.

Anche se il termine “difettoso” sembra peggiorativo, non lo è. Piuttosto, la parola “difettoso” è usato per descrivere un trust che viene ignorato ai fini dell’imposta sul reddito (cioè, si sono trattati come il proprietario delle attività del trust ai fini dell’imposta sul reddito), ma il valore delle attività del trust sarebbe escluso dal vostro patrimonio lordo.

Non esiste un’autorità legale o regolamentare diretta che autorizzi le conseguenze fiscali federali della vendita di beni a un IDIT. Invece, le conseguenze fiscali previste sono state messe insieme da una serie di principi giuridici diversi e precedentemente non collegati, che, se presi insieme, produrranno più probabilmente i risultati qui descritti. Ancora, questa tecnica è stata utilizzata per decenni ed è diventata parte integrante di molti piani di successione immobiliare e aziendale.

La vendita a una tecnica IDIT inizia con la creazione di un trust irrevocabile, l’IDIT. L’IDIT di solito avvantaggerebbe i tuoi familiari (incluso, forse, il tuo coniuge), anche se un IDIT può essere creato anche per i membri non familiari. Tuttavia, non puoi essere un beneficiario dell’IDIT.

L’IDIT è progettato per essere un “trust concedente” ai fini dell’imposta sul reddito federale. Ci sono un certo numero di modi comuni per far sì che un trust sia un trust concedente. Due modi comuni sono quello di mantenere il potere di sostituire le attività del trust per le attività che hanno un valore equivalente, o di concedere una parte non avversa il diritto di aggiungere e rimuovere i beneficiari (molti concedenti limitano i beneficiari che possono essere aggiunti e rimossi alle organizzazioni caritatevoli). Se il reddito del trust può essere distribuito al coniuge, il trust sarebbe anche un trust concedente. Se un trust che si crea è un trust concedente, ai fini dell’imposta sul reddito federale, si sono trattati come possedere i beni del trust. Ciò significa che il reddito, il guadagno e la perdita realizzati dal trust saranno tassati a voi come se possedessi le attività che hanno generato tale reddito.

Successivamente, contribuirai con una piccola quantità di denaro (o altra proprietà) all’IDIT. Questo trasferimento al trust, essendo un regalo, potrebbe causare una tassa sui regali o consumare parte del tuo importo di esclusione a vita dalla tassa sui regali. Il dono ha lo scopo di dare la transazione in cui si vendono beni alla sostanza economica IDIT. Il dono al IDIT servirebbe come garanzia per la cambiale del trust dato a voi nella transazione di vendita (discusso di seguito) e contribuire a consentire la nota da pagare. È anche inteso a far sì che il debito nei tuoi confronti da parte dell’IDIT sia rispettato come debito piuttosto che essere trattato come una partecipazione azionaria mantenuta nel trust. Se sei trattato come se avessi mantenuto una partecipazione azionaria nel trust, il valore delle attività trasferite al trust può essere trattato come un dono e se dovessi morire mentre la nota era in sospeso, o entro tre anni dalla sua soddisfazione, il valore del trust potrebbe essere incluso nel tuo patrimonio lordo e sottoposto all’imposta patrimoniale. I professionisti ritengono che un trasferimento all’IDIT pari al 10% del valore della proprietà che verrà venduta all’IDIT sia l’importo minimo necessario per supportare la transazione di vendita. Alcuni professionisti suggeriscono un trasferimento del 15% o anche del 20% del valore della proprietà che verrà venduta all’IDIT.

Dopo aver creato l’IDIT e poi fatto un regalo per finanziare inizialmente il trust, venderai beni all’IDIT in cambio di una cambiale. La nota sopporterebbe gli interessi (che sarebbero pagati dall’IDIT) al tasso federale applicabile (AFR) che è fissato mensilmente dall’Internal Revenue Service (IRS). Sebbene la nota possa essere strutturata in molti modi (ad esempio, la nota potrebbe essere auto-ammortizzante o interessi solo con un pagamento a palloncino alla fine del suo mandato), i suoi termini dovrebbero richiedere che gli interessi siano pagati almeno annualmente. Nella nostra esperienza, le note che sono tenute a pagare gli interessi solo durante il loro mandato con un pagamento in mongolfiera alla fine, ma senza penalità di pagamento anticipato, offrono un’enorme flessibilità.

L’IDIT otterrebbe i fondi necessari per pagare gli interessi a voi sia dal vostro regalo in denaro originale o dal reddito guadagnato sulle attività di proprietà dell’IDIT. Se gli interessi in un’attività strettamente detenuta fossero venduti all’IDIT, le distribuzioni dall’azienda ai suoi proprietari, una delle quali sarebbe l’IDIT, fornirebbero denaro all’IDIT per effettuare i pagamenti sulla nota. Naturalmente, se tali fonti non fossero sufficienti, potrebbero essere utilizzati i beni di proprietà dell’IDIT. L’utilizzo di IDIT assets per effettuare pagamenti sulla nota può causare spese extra, poiché ogni volta che il capitale viene utilizzato per effettuare un pagamento, le attività devono essere valutate. Se viene utilizzato un interesse in un’attività strettamente detenuta, l’attività deve essere valutata da un esperto di valutazione qualificato. Questo è uno dei motivi per cui una nota di soli interessi con un pagamento in mongolfiera alla fine del suo mandato offre una grande flessibilità. Negli anni magri, le distribuzioni dal business devono essere fatte solo per pagare gli interessi, ma negli anni buoni (o se l’attività viene venduta) l’azienda può distribuire denaro extra che può essere utilizzato dal trust per pagare in anticipo il capitale. Alla fine del termine della nota qualsiasi saldo principale rimanente sulla nota sarebbe rimborsato a voi in un pagamento finale.

Poiché l’IDIT deve rimborsare il valore originale delle attività vendute al trust più gli interessi presso l’AFR, l’importo di cui tali attività apprezzano in eccesso rispetto all’AFR al momento della vendita passerà ai tuoi beneficiari alla fine del termine della nota senza imposta sulle donazioni o sugli immobili.

Esempio 1 illustra la vendita di un bene a un IDIT che è stato progettato per passare apprezzamento sulle attività vendute ai beneficiari. Sebbene l’IRS cambi l’AFR ogni mese, ai fini di questo esempio l’AFR utilizzato è 1.5% (l’attuale AFR attuale sarà probabilmente diverso). Inoltre, ai fini di questo esempio, supponiamo che il regalo iniziale all’IDIT sia stato di $100,000 e che le attività con un valore di $1,000,000 siano vendute all’IDIT. Si supponga inoltre che le attività dell’IDIT generino un reddito del 3% all’anno e un apprezzamento del capitale del 4% all’anno (per un rendimento totale del 7% all’anno). Infine, supponiamo che la nota sia una nota auto-ammortizzante di otto anni. In questo esempio non vengono utilizzati sconti di valutazione.

Example 1

Year Beginning Principal Income of Trust Payment on Note Ending Principal
1 $1,100,000 $77,000 $133,584 $1,043,416
2 $1,043,416 $73,039 $133,584 $982,871
3 $982,871 $68,801 $133,584 $918,088
4 $918,088 $64,266 $133,584 $848,770
5 $848,770 $59,414 $133,584 $774,600
6 $774,600 $54,222 $133,584 $695,238
7 $695,238 $48,667 $133,584 $610,321
8 $610,321 $42,722 $133,584 $519,459

Nell’Esempio 1, dopo la nota è rimborsato, più di 500.000 dollari rimane in IDIT per il vantaggio di i vostri beneficiari. Il tuo regalo all’IDIT era di 100.000 dollari. Utilizzando un IDIT, in questo caso, si sarebbe in grado di trasferire oltre $400.000 a beneficio dei beneficiari del IDIT senza una tassa regalo (e senza utilizzare ulteriore importo di esclusione regalo a vita).

L’esempio 2 utilizza gli stessi fatti dell’esempio 1, ad eccezione del fatto che la transazione utilizza una nota in cui solo gli interessi devono essere pagati annualmente con l’intero importo principale rimborsato nell’anno 8.

Example 2

Year Beginning Principal Income of Trust Payment on Note Ending Principal
1 $1,100,000 $77,000 $15,000 $1,162,000
2 $1,162,000 $81,340 $15,000 $1,228,340
3 $1,228,340 $85,984 $15,000 $1,299,324
4 $1,299,324 $90,953 $15,000 $1,375,276
5 $1,375,276 $96,269 $15,000 $1,456,546
6 $1,456,546 $101,958 $15,000 $1,543,504
7 $1,543,504 $108,045 $15,000 $1,636,549
8 $1,636,549 $114,558 $1,015,000 $736,108

Nell’Esempio 2, dopo la nota è rimborsato, più di $700.000 rimane in IDIT per il vantaggio di i vostri beneficiari. Il tuo regalo all’IDIT era di 100.000 dollari. Utilizzando un IDIT, in questo caso, si sarebbe in grado di trasferire oltre $600.000 a beneficio dei beneficiari del IDIT senza una tassa regalo (e senza utilizzare ulteriore importo di esclusione regalo a vita). Il vantaggio di lasciare le attività di apprezzamento nell’IDIT è chiaramente illustrato quando l’esempio 2 è contrastato con l’esempio 1.

Poiché l’IDIT è un trust concedente, si pagherebbe l’imposta sul reddito attribuibile al reddito dell’IDIT. Se si utilizza una nota che paga solo interessi, è possibile ricevere solo interessi dal IDIT ogni anno. Pertanto, è probabile che tu debba utilizzare altre attività per pagare l’imposta sul reddito attribuibile al reddito derivante dall’immobile di proprietà dell’IDIT. Una volta che la nota è soddisfatta, i tuoi pagamenti dall’IDIT si fermerebbero e, a meno che il trust non cessasse di essere un trust concedente, la tua responsabilità di pagare tali tasse continuerebbe senza ricevute dall’IDIT.

Questa è una considerazione importante se un’entità pass through, come una società di persone, una società a responsabilità limitata tassata come società di persone o una società tassata ai sensi del sottocapitolo S dell’Internal Revenue Code è di proprietà dell’IDIT. In tal caso, la quota del reddito dell’entità che passa attraverso i suoi proprietari passerebbe attraverso l’IDIT. Perché l’IDIT è una fiducia concedente a voi il passaggio attraverso il reddito sarebbe incluso sulla vostra dichiarazione dei redditi personali. Pertanto, quando si vende un’entità pass through a un IDIT, si dovrebbe prendere in considerazione la capacità di pagare l’imposta sul reddito attribuibile a una parte dell’entità che non si possiede più. Dovresti consultare il tuo consulente fiscale personale per determinare come si applicherebbe una tale strategia nelle tue particolari circostanze.

Tuttavia, affinché la vendita IDIT funzioni correttamente, almeno durante il periodo della nota, l’IDIT dovrebbe essere un trust concedente. Poiché sei trattato come il proprietario dei beni dell’IDIT, quando vendi beni al trust, ricevi pagamenti di interessi e ricevi rimborsi del capitale, non ci sarà alcuna imposta federale sul reddito.

Inoltre, il pagamento dell’imposta sul reddito attribuibile alle attività di IDIT è come un regalo aggiuntivo ai beneficiari del trust senza conseguenze fiscali per te. C’è qualche rischio di audit fiscale regalo quando si vendono beni a un IDIT. Dovresti discutere questi rischi con i tuoi consulenti fiscali personali.

Ad esempio, a seconda della struttura della transazione, se l’IRS determina che il valore delle attività vendute all’IDIT è inferiore al valore nominale della nota dell’IDIT, la differenza tra il valore della nota e il valore delle attività sarebbe un regalo, potenzialmente soggetto all’imposta sulle donazioni (o all’uso di un importo di esclusione del regalo a vita). Questa è una possibilità reale se un bene difficile da valutare, come una partecipazione in un’attività strettamente detenuta, viene venduto all’IDIT. Anche se, recentemente, i contribuenti sono stati in grado di ridurre questo rischio di valutazione utilizzando valutazioni formula, come la vendita di un importo specifico in dollari di un bene piuttosto che un interesse percentuale nel bene.

Vendere beni a un IDIT è un buon modo per spostare beni dal vostro immobile ad un costo di imposta regalo ridotto, in particolare quando il bene che viene venduto al IDIT si prevede di apprezzare rapidamente in valore o ha un flusso di cassa sufficiente per pagare l’intera nota entro il suo termine. Inoltre, l’IDIT può essere una buona scelta quando si spostano interessi commerciali strettamente detenuti o altre attività di difficile valutazione, perché la nota può essere strutturata in modo tale che solo gli interessi siano pagati durante la durata della nota e qualsiasi distribuzione principale per rimborsare il valore principale della nota, il che richiederebbe che la proprietà nell’IDIT sia valutata da un esperto di valutazione ogni anno, sia effettuata in un unico pagamento alla fine.

Infine, la vendita di attività a un IDIT consente di sfruttare l’esenzione dalla generation-skipping Transfer tax (GSTT). Per rendere il trust completamente esente dal GSTT la tua esenzione da tale imposta deve essere assegnata solo al regalo originale all’IDIT.

La vendita di beni al GSTT non è un dono, quindi l’esenzione dal GSTT non deve essere allocata. Di conseguenza, tutti gli apprezzamenti sulle attività dell’IDIT, dopo il rimborso della nota, saranno completamente esenti dal GSTT.

Come con qualsiasi strategia di trasferimento di ricchezza, è necessario consultare il proprio avvocato personale o altri consulenti fiscali per determinare se tale strategia è appropriata per le circostanze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *